Archivi Tag: shoes

martedì, 29 gennaio 2019 13:14

JESSE, TRA STORIA E INNOVAZIONE. #style

“Studia il passato se vuoi prevedere il futuro.”
Confucio potrebbe introdurre alla perfezione la filosofia che ha ispirato la creazione di uno dei modelli più iconici della collezione Fabi.
Le sneakers “Jesse” nascono così, ispirate dalla scintilla del talento di Jesse Owens, dalle sue
umili origini nell’Alabama dei primi del 900, resosi protagonista di gesta epiche alle Olimpiadi di Berlino del 1936.
Le nostre Jesse mixano heritage e innovazione e strizzano l’occhio alle nuove tendenze in fatto di sneakers del segemento luxury: una scarpa ibrida, day to night: fusione e stratificazione diventano sinonimi che aggiungono significato e bellezza al  brand new, l’uomo di oggi reinventa i modelli classici  e sportivi per intraprendere nuove strade.
L’idea delle Jesse nasce per mixare lo sportswear al sartoriale, donando al gentleman contemporaneo un tocco casual sportivo nel proprio look everyday.
La scarpa diventa il simbolo del fertile incontro tra sapere manifatturiero e innovazione, eleganza senza tempo e ricerca di nuovi canoni di stile.
Il valore in più che siamo in grado di dare a questo “classico sportivo di lusso” è dato dalla costruzione Flex Goodyear “reverse”: con tanta pazienza e tanta saggezza siamo riusciti a creare una scarpa comodissima, oltrechè bella.
image_56557
_3d2cef42576365a7332b967f378c57be55284a37bdee8c4b79_pimgpsh_fullsize_distrimage_56540image_56547
giovedì, 24 gennaio 2019 13:30

TIMELESS SHOES: FABI MUST_EVE !

Event, evening, evergreeners. Ma anche everyday, perchè è bello chiedere e ottenere il massimo tutti i giorni. Quattro concetti chiave che racchiudono tutta l’esperienza, la qualità e la tradizione Fabi, che hanno ispirato la nostra selezione speciale Fabi Must_EVE.
Esistono creazioni che vanno al di là delle collezioni e delle stagioni. Modelli intramontabili che marcano l’eleganza distinta dell’uomo che ama curare i dettagli del proprio look con le cose più belle.

 

EVENT: i momenti più belli della vita sono segnati da eventi importanti, e qui alla Fabi da sempre ci prendiamo cura delle grandi occasioni. Da 53 anni le nostre calzature da cerimonia sono la risposta alle vostre esigenze. Garantiscono eleganza, comodità e tutta la qualità del made in Italy.

Schermata 2019-01-24 alle 12.04.00
EVENING: La collezione Must EVE è pensata anche per gli eventi importanti e per le serate indimenticabili, dove eleganza, classe e stile devono fare la differenza.
EVERGREENERS:  perché da oltre 50 anni le icone di casa Fabi, con le sue forme classiche e senza tempo, accompagnano i migliori momenti  della nostra vita!
EVERYDAY: la nostra collezione Must EVE è perfetta anche tutti i giorni. Modelli day to night che ti accompagnano per un meeeting, per un business lunch e per l’aperitivo con gli amici.Schermata 2019-01-24 alle 12.07.23
Mocassini eleganti, Penny loafers, polacchini in suede, stringate in pelle di vitello e molto altro vi aspettano nella nostra boutique online e nei negozi che propongono la selezione Must Eve.
mercoledì, 23 gennaio 2019 16:36

FLEX GOODYEAR CHALLENGE

E’ sufficiente calzare un paio di scarpe belle ed eleganti? Forse, o forse no. Secondo noi di Fabi l’eleganza e il fascino di una scarpa devono sempre accompagnarsi alla comodità E per questo, qualche anno fa, abbiamo lavorato all’evoluzione della costruzione inglese Goodyear brevettando il Fabi Flex Goodyear 102.

I nostri Maestri sono riusciti a creare un sofisticato equilibrio tra tradizione e innovazione, che da tempo ci permette di presentare calzature di qualità e di comodità sartoriale, impreziosite da materiali e pellami pregiatissimi.

Abbiamo selezionato per voi alcune Icone della collezione invernale.

Derby: nella versione con il fondo in gomma dentellata oppure in cuoio invecchiato e a contrasto, i nostri derby hanno una silhouette essenziale ed elegante. La lavorazione Flex Goodyear garantisce il massimo in termini di comodità.

Anfibio: dai toni scuri in morbida pelle di vitello, con un fondo dai volumi importanti perfetto per gli outfits metropolitani.

Jesse: una vera Icona , la nostra sneaker “ibrida” ispirata ai grandi campioni degli anni ’30. È una Flex Goodyear in cervo rovesciato, costruzione reverse. Elegante, lineare, comodissima.

Oxford: un modello intramontabile, impreziosito dalla lavorazione Flex Goodyear per il massimo della comodità.

Doppia fibbia Superflex: il nostro “Superflex”, costruzione reverse, anche nella versione double monk strap. Una scarpa dal design molto classy, una alternativa gettonatissima ai loafers.

Per ammirare da vicino ciascun modello Fabi Flex Goodyearvi aspettiamo nella nostra boutique online.

image_56219image_56237image_52853_1

_3d2cef42576365a7332b967f378c57be55284a37bdee8c4b79_pimgpsh_fullsize_distr_7537f59bd7257485e185a184086a50acd2727526502359a20e_pimgpsh_fullsize_distr

giovedì, 03 gennaio 2019 16:04

FABI a Pitti Immagine Uomo

FABI SPA a Pitti Immagine Uomo con il suo nuovo spazio nel Padiglione Centrale, allestito da Barberini con materiali di pregio e soluzioni architettoniche contemporanee come la nuova collezione pensata dal Brand Manager Emanuele Fabi e realizzata dai Maestri di Monte San Giusto.

L’idea portante della collezione FW1920 nasce attorno a prodotti dalla vestibilità trasversale, costruiti su nuove forme con volumi e fondi importanti, sfruttando il know how del brevetto Flex Goodyear 102, il top di gamma per l’Azienda fondata da Elisio Fabi, il papà di Emanuele, a Montegranaro nel novembre del 1965

“Il concetto di “trasversale” mi piace in senso assoluto – spiega Emanuele Fabi – e poi bisogna fare i conti con tendenze e mercati che da qualche anno premiano più il mondo sportivo di quello classico. Ho pensato così a una collezione che strizza l’occhio agli “ibridi”, il classico che tende allo sport e viceversa, quindi a prodotti day to night che indossi al mattino e non vorresti cambiare mai. Il minimo comune denominatore sta nel nostro meglio del meglio: la costruzione Flex Goodyear 102 valorizza anche una sneaker come la Jesse, a Pitti nelle versione “Jesse 2” più aperta  ed elegante”.

La collezione FW1920 sviluppa anche i concetti dell’urban trekking, con polacchini in pregiati vitelli arricchiti da fodere in lana, e punta come sempre sull’altissima qualità dei materiali e sull’arte delle colorazioni a mano: cervi da decolorare e croste in inglesi da invecchiare con pazienza e amore per il prodotto spiegano al meglio una collezione figlia di passato e presente, heritage e innovazione.

martedì, 18 dicembre 2018 18:58

SNEAKERS JESSE, HEROES FROM THE PAST #4: GIRARDENGO

 

Costante Girardengo e il bandito che voleva pedalare come lui

Vai Girardengo, vai grande campione
nessuno ti segue su quello stradone
Vai Girardengo, non si vede più Sante
è dietro a quella curva, è sempre più distante.
["Il bandito e il campione" - Francesco de Gregori, 1993]

Si sente dire spesso che per ogni campione sportivo che ce l’ha fatta ne esistono altri cento, mille, che per i più svariati motivi non sono riusciti a raggiungere gli stessi traguardi.
Stesso talento magari, ma meno forza di volontà, o meno tenuta mentale. Nessun fuoco sacro, dentro. Meno fame.
Ecco, se dovessimo dare ascolto alle leggende che dai primi anni del Novecento si tramandano nelle province piemontesi, potremmo dire che c’è stato un caso in cui un campione – tra i più grandi di sempre della nostra nazione – ha avuto un amico che avrebbe potuto dargli del grosso filo da torcere.

Ma che, a differenza delle altre decine di incompiuti, un po’ per scelta un po’ per destino ha scelto di diventare un “campione” in uno “sport” un po’ meno seguito e apprezzato, il crimine.

image004

Una storia, quella del fenomeno del ciclismo di Novi Ligure – Costante Girardengo – e del suo amicone bandito Sante Pollastri, che ha ispirato addirittura De Gregori e un suo intero album nel 1993, oltre che una fiction Rai (vabbè…) nel 2010.
Una storia che è diventata, grazie all’assenza dei media rapaci odierni e di tecniche di comunicazione ben più lente di un blog, un mito incastonato tra un’Italia unita ancora giovane e una narrazione epica da legare ai primi grandi eroi del nuovo secolo sportivo tricolore.

Ma le leggende, si sa, sono fatte per essere smentite, pur conservando un fondo di affascinante verità.
Quello che sappiamo è che Sante è nato sei anni dopo Costante: 1899 contro 1893.
Cresciuti grossomodo nello stesso quartiere di Novi Ligure, provincia di Alessandria, è assodato che entrambi fossero poveri come la maggior parte dei loro connazionali, forse pure più della media, già drammaticamente alta durante l’ingresso nel Secolo Breve.

Compagni di scorrazzate in bicicletta durante l’infanzia per dimenticare le proprie misere condizioni e pure la fame malefica, i due prendono presto strade differenti, nonostante il desiderio atroce di sconfiggere la povertà sia vivo in entrambi: Girardengo a 19 anni è già professionista, Pollastri lo segue con orgoglio e desiderio di emulazione ma nel 1918 ha già la vita segnata dal rancore verso polizia, società, Carabinieri. Dicono che un membro dell’Arma gli abbia ucciso un parente, o stuprato la sorellina: le versioni non coincidono, la leggenda è appunto una leggenda, ma il risultato è purtroppo certificato. Quel rancore si è già tramutato in una ribellione più oscura, la criminalità.

Costante Girardengo sfreccia intanto sulle strade d’Italia: domina due Giri, distrugge la concorrenza nella Milano-Sanremo, la sua preferita con ben sei vittorie, fa incetta di campionati italiani di ciclismo su strada, addirittura arriva secondo ai Mondiali in Germania nel 1927. Diventa il primo vero Campionissimo nella storia del nostro ciclismo, un talento naturale, puro, con quel piedino rapido e fluido fisso sui pedali, da mattina a sera, di vittoria in vittoria.
Una leggenda vera, ammirata e ispiratrice, che tanto avremmo voluto vedere con le nostre sneakers Jesse ai piedi, a volare come il vento sul cemento e in giro per il Bel Paese.

582e2c8578f5f45f7e4eebf4052fd6ac

Nulla a che vedere però con le “fughe” di cui è già diventato maestro Sante, il feroce Sante. Il generoso Sante.
Introvabile, inafferrabile, odiato dalle forze dell’ordine di Italia e Francia, amato dagli anarchici e dai poveracci come lui cui – si dice- regali parti delle refurtive, il bandito autore di rapine e omicidi che accrescono la sua nomea in tutta Italia proprio come l’amico Costante, è campione indiscusso di “volate” cui Girardengo non ha mai dovuto partecipare, fortunatamente.

I giornali lo chiamano “Nemico Pubblico Numero Uno”, nientemeno.

Perso di vista per ovvi motivi, Costante – che in cuor suo conserva il ricordo di un ragazzo figlio delle stesse misere condizioni – rincontrerà Sante a Parigi nel 1927, quando la Gloria sportiva è ormai alle spalle e i 40 anni alle porte. Pollastri, braccato dai gendarmi, tramite il massaggiatore di Girardengo amico comune ottiene un incontro con il ciclista durante la Sei Giorni parigina: felice nonostante tutto, Sante riabbraccerà colui che aveva lanciato “la fuga” da Novi Ligure e dagli stenti in tenera età, salutandolo e dandogli appuntamento nella terra natìa, ora che entrambi ce l’hanno fatta.

E Girardengo? Impaurito da un potenziale scandalo e fatte sue le confidenze del criminale, pensò giustamente di denunciarlo subito, testimoniando al suo processo dopo l’arresto avvenuto proprio nella Ville Lumiere. Sante si prese l’ergastolo, mentre Costante finì nel 1936 la propria incredibile carriera, diventando allenatore, testimonial, simbolo assoluto di un nuovo sport fatto di superuomini…e chissà, forse pure di banditi.

Due ragazzi del borgo cresciuti troppo in fretta
un’unica passione per la bicicletta
un incrocio di destini in una strana storia
di cui nei giorni nostri si è persa la memoria
["Il bandito e il campione" - Francesco de Gregori, 1993]

TOP